Android

Da Amazon applicazioni e giochi gratis per Android.

Arriva anche in italia Amazon Underground, attraverso questo store scaricabile all’indirizzo amazon.it/underground è possibile ottenere migliaia di applicazioni e giochi gratis per Android.

Le app, che di solito vengono pagate o hanno dei fastidiosi banner, in questo caso sono gratuite e senza banner pubblicitari.

Ma chi paga?

Paga Amazon!

Amazon, ha illustrato il nuovo modello di business già lanciato con successo in America, Inghilterra e Germania, assicurando che non ci sono né clausole nascoste né limiti: non serve essere abbonati ad Amazon Prime e non sono obbligatori prodotti Amazon, basta avere un account e un qualsiasi prodotto Fire oppure un tablet o uno smartphone Android.

Perchè Amazon ci regala le app?
Facile, il colosso dell’e-commerce punta a incrementare il numero di persone dotate di account Amazon, dirottando le persone sul suo store piuttosto che sul Play Store di Google.

 

CHE TIPO DI APP VUOI REALIZZARE?

Le app utilizzabili su un dispositivo mobile si possono sostanzialmente suddividere in tre categorie: native, web e ibride, di seguito vediamo le principali caratteristiche.

APP NATIVA

Un’APP NATIVA è un’applicazione, sviluppata con codice e libreria proprietarie, che viene scaricata (gratuitamente o a pagamento) e installata sui dispositivi mobile tramite gli Store (Apple Store ,Google Play, Store Microsoft).

I vantaggi principali dell’APP NATIVA sono: il poter interagire con quasi tutte le funzionalità del nostro device (ad esempio rubrica, messaggi, notifiche, localizzazione), avere il massimo delle prestazioni grazie al codice ottimizzato per il device, essere scaricabile ed aggiornabile dagli “store” e poter funzionare anche offline.

I limiti principali sono: il costo di sviluppo (vanno scritti codici diversi in linguaggi diversi), la manutenzione (devono essere manutenuti n software diversi, uno per ogni sistema operativo), avere comportamenti non identici sui vari dispositivi

WEB APP

Di fatto sono normali applicazioni web che permettono di simulare l’aspetto delle interfacce proprie di APP NATIVE, creando quindi il concetto di APP WEB-BASED o WEBAPP.

I principali vantaggi sono la velocità di realizzazione e mantenimento ed i costi contenuti, la facilità di aggiornamento dei contenuti di solito attraverso dei CMS, la fruibilità da parte di tutti i dispositivi dotati di browser internet (comprese smart TV)

Le principali limitazioni sono che possono interagire con l’hardware e il software del device in modo molto limitato. Inoltre, proprio per la natura incontrollabile dei loro contenuti non possono essere pubblicate negli Store.
Sono sostanzialmente dei siti ottimizzati per il mobile.

APP IBRIDA

L’APP IBRIDA consente di costruire APP NATIVE basate su un unico codice sorgente che viene compilato per le varie piattaforme consentendo di ridurre i costi di sviluppo (unico codice sorgente) e di facilitare la manutenzione (un solo software da gestire).

In sostanza l’ APP IBRIDA ingloba in sé tutti gli aspetti positivi delle altre due tipologie di APP.

Gli unici limiti delle APP IBRIDE sono l’accesso non completo al device che potrebbe portare alcune limitazione nello sviluppo e le performance non al livello delle APP NATIVE anche se nella maggior parte dei casi la differenza di prestazioni non è percettibile.

Di seguito una breve tabella riassuntiva:

Tipo APP Integrazione con il device Tempi e costi di sviluppo e mantenimento Funzionamento offline Modalità di distribuzione Approvazione dallo STORE
NATIVA SI ALTI SI STORE SI
IBRIDA SI MEDIO BASSI SI con possibili limitazioni STORE+ WEB SI
WEB LIMITATA BASSI NO SOLO WEB NO

 

Microsoft apre Windows 10 ad Android e iOS

Molte novità alla conferenza Build 2015Microsoft punta agli sviluppatori (a tutti gli sviluppatori) anche a quelli Android e iOs.

Tra le tante la notizia che gli smarphone Windows includeranno un sottosistema Android, in questo modo le App sviluppate per Android potranno girare su Windows 10.

E gli sviluppatori iOS possono ora compilare il loro C Code direttamente da Microsoft Visual Studio per ottenere una App Windows 10 nativa.

Un cambiamento significativo che può mutare il corso degli smartphone Microsoft, perché gli sviluppatori possono istantaneamente creare una App Windows 10 partendo da quella sviluppata per iOS.